Le ricerche di Shawna Foo sulle emissioni vulcaniche sottomarine del Castello Aragonese

snorkeling-mod

Dedico questo post ai miei due cari amici Shawna Foo e Danny Ormay con cui ho condiviso dei momenti meravigliosi, conversato e immaginato un mondo in cui l’uomo sappia vivere in armonia con la Natura; con cui abbiamo ripulito dalla plastica i fondali marini, e che purtroppo sono ripartiti da Ischia dopo 6 meravigliosi mesi insieme. Con profondo affetto e stima. Alessandro Mattera

Il cambiamento climatico mette in pericolo i nostri mari. Uno dei cambiamenti più importanti a cui stiamo assistendo è la riduzione del pH del mare. Attualmente il mare ha un pH di 8.1 ma, siccome esso assorbe grandi quantità di CO2  dall’atmosfera, possiamo attenderci una riduzione fino a 7.6 di pH entro la fine del prossimo secolo.

Per le migliaia di specie microscopiche che abitano nel mare questa situazione potrebbe essere catastrofica.  

Di seguito riportiamo un estratto del lavoro della Dott.ssa Shawna Foo  presso la Stazione Zoologica Anton Dohrantono-dohrnn dell’isola d’Ischia ringraziando la Dott.ssa Cristina Gambi che ha supervisionato il progetto.

shawna-foo
Shawna Foo
“Sono venuta dall’Australia per lavorare  ad Ischia, perché è un posto unico al mondo. Lo specchio di mare antistante il Castello Aragonese, è interessato da un’attività vulcanica in cui si osservano emissioni di CO2 emergere dal fondo marino, sotto forma di bolle, la cui quantità è tale da far sembrare il mare una grossa Jacuzzi.

 

L’anidride carbonica delle bolle si mischia con l’acqua che le circonda riducendone il pH ai livelli che possiamo aspettarci di vedere se non si arresta il cambiamento climatico. Studiare quindi quanto accade naturalmente nella porzione di mare dell’isola d’Ischia, per effetto dell’attività vulcanica, ci  permette di fare una proiezione sul futuro, giacché ci consente di studiare gli effetti, a lungo termine, del basso pH del mare sulla biodiversità marina.

paracentrotus-lividus
Riccio di mare adulto Paracentrotus lividus. (Foto: Shawna Foo)

 

 

Il mio lavoro si focalizza sui ricci di mare. Essi si sviluppano attraverso uno stadio larvale molto delicato. Per comprendere come i ricci di mare saranno influenzati da questo fenomeno di acidificazione, abbiamo allevato le loro larve nell’area delle emissioni vulcaniche di CO2 intorno al Castello Aragonese. Giacché le larve sono microscopiche, abbiamo dovuto utilizzare dei contenitori speciali con una maglia molto stretta, che avrebbe permesso comunque il passaggio dell’acqua e trattenuto le larve, affinché potessimo poi osservarle nuovamente al microscopio.
Gli studi sulle larve “allevate” in questo sito mi hanno permesso di comprendere in che modo la loro crescita sarà influenzata dal basso livello di pH, e se saranno ancora in grado di sviluppare il loro scheletro.

Il cambiamento climatico sta alterando gli equilibri marini e la riduzione del pH è solamente uno dei problemi.

larve-di-riccio
Larve di ricci di mare dopo a 48 ore di vita. La lunghezza delle braccia è di soli 200 micrometri!! (Foto di: Shawna Foo)
allevamento-larve-ricci
L’esperimento sott’acqua nei pressi del Castello Aragonese. Le larve sono contenute nei cilindri di colore bianco . Si possono anche osservare le bolle di CO2 che riducono il pH del mare. In basso a destra è posizionato il pH-metro che monitora costantemente il pH del mare. (Photo: Maria Cristina Gambi)

Vieni ad osservarlo nuotando nei pressi del Castello Aragonese e segui le bolle. Maggiore è la quantità di bolle e minore sarà il livello di pH. Potrai notare che nelle zone di basso pH c’è una forte diminuzione di biodiversità e il mare, dalle tante e variopinte specie di vita, viene invece dominato dalla monotonia di un’unica alga dal colore marrone/verdognolo.

Riducendo le nostre emissioni di anidride carbonica e scegliendo metodi e risorse sostenibili, potremmo contribuire a prevenire uno scenario di questo tipo”.

 

 

Per un itinerario di visita e studio dell’area con le emissioni vulcaniche click

 

Article by PlatypusTour

0 Comments

Leave your comment